Indaco Pranic Integration

Tu sei parte essenziale del Cosmo: ogni essere vivente é una nota musicale della Splendida Sinfonia Cosmica – nell’ interazione tra individui autonomi si realizza l’ espressione del Creato.

Siamo Esseri Spirituali, di passaggio sulla Terra per fare esperienza.



 
 
 

Nel sacro Ventre della Donna prendiamo forma, nello splendido sensore che é il nostro corpo. Durante questo percorso terreno, attraverso i limiti di spazio e tempo; attraverso il dualismo proprio della dimensione terrestre, noi Esseri Spirituali acquisiamo consapevolezza della nostra esistenza: ci sentiamo, ci percepiamo. Grazie ai sensi ed al nostro cuore interagiamo con la Natura, con gli altri Esseri proviamo emozioni, sentimenti, sensazioni. Comunque mai niente e nessuno possono intaccare il nostro Centro, la nostra Luce interiore: anche se non ne siamo consapevoli, esso c’é.

Siamo il campo di unione tra il Cosmo e la Madre Terra, di cui siamo parte. Il Tutto é dentro e fuori di noi, é fonte inesauribile di Vita, é Amore infinito senza prezzo e condizioni. Il nostro grande problema é cercare di capire invece di sentire, sapere invece di essere consapevoli. La nostra mente é un mezzo per catalogare, associare, collegare le nostre esperienze in questa che chiamiamo la dimensione materiale; esperienze che se si lasciano riaffiorare all’ occorrenza, osservando gli eventi per la crescita della consapevolezza – senza giudizio, senza valutazione, senza colpa, ma nell’ ascolto del Cuore – ci permetteranno di prestare ascolto ai sentimenti senza temere di provarli, lasciando loro lo spazio che é dovuto all’ interno della nostra vita, riconoscendoli ed accogliendoli con gratitudine di volta in volta, per condurre così la Vita autentica.

Nella consapevole sinergia tra Cuore e mente, noi possiamo creare e plasmare la nostra esperienza sulla Terra, poiché siamo esseri creatori. Gioa, paura, odio, amore, gratitudine, plasmano la materia intorno a noi, il nostro habitat, il nostro corpo; per questo motivo é fondamentale vivere in modo autentico nell’ ascolto del cuore, pronti ad elaborare e sciogliere i nostri blocchi emotivi: riflettendo intorno a noi armonia, amore, gratitudine.

Questa DIMENSIONE DEL CUORE é il cambiamento verso il quale l’ umanità si sta muovendo, dai piccoli gesti alle grandi azioni. Questa interazione cosmica era presente nell’ Umanità ai suoi albori e la ritroviamo ancora nelle poche popolazioni che sono rimaste in contatto con il Tutto e vivono ancora seguendo antiche tradizioni. Muovendoci verso queste radici l’ Umanità ritroverà la Vita Autentica sulla Terra, governata dall’ Amore Cosmico.

Questo medesimo moto lo troviamo anche nell’ individuo. Ogni neonato é un grande spirito in poca materia; crescendo in un ambiente che vive la dimensione del Cuore, nella sua quotidianità ha la possibilità di vivere le proprie esperienze nella crescita autentica ed acquisire così la consapevolezza di Sé.

L’ essere umano é chiamato a ritrovare la Dimensione del Cuore. Per realizzare questa esigenza, egli deve imparare a conoscere le sue paure ed a liberarsene; a lasciar andare tutte le convinzioni che lo condizionano allontanandolo dalla Vita Autentica; a riscoprire la fiducia nelle sue intuizioni e percezioni. Solo la crescita personale, nella consapevolezza della dimensione spirituale – indipendentemente da ogni credo religioso, dogma o guru – renderà possibile plasmare un pianeta più sano e sicuro, sul quale vivere la Vita Autentica, nell’ integrazione tra lo spirituale ed il materiale.

E’ attraverso il contatto con noi stessi che troviamo la pace interiore. Imparando a conoscere il nostro corpo, a capire i suoi messaggi, troviamo il benessere. Abbinando movimento, rilassamento, ascolto interiore favoriamo l’ auto-guarigione. Dando pace alla nostra mente, impedendole di trascinarci in vortici carichi di pensieri ricorrenti e paure, ritroviamo la nostra voce interiore, la nostra dimensione del cuore. E’ qui che per noi si apre un nuovo mondo, immerso nella luce, nel quale é possibile rigenerarsi e rilassarsi; provare pace, gioia e serenità, che riusciremo ad irradiare intorno a noi; nel tempo ad impregnare di questa energia la nostra quotidianità. Noi esseri umani siamo dotati di immense potenzialità, che possiamo riscoprire conoscendoci, ed mparando ad amrci.

Se desideri ritrovare la tua visione del mondo e scoprire tutte le possibilità che la vita ti offre, capire ed apprezzare il valore profondo che ogni essere umano porta in sé, puoi farlo attraverso la consapevolezza di te. E’ come se tra te, invischiato nella quotidianità, ed il tuo “io” ci fossero tanti sipari chiusi uno sull’ altro, che ti impediscono di vedere la tua luce interiore. Lavorando su di te, ogni volta che rimuovi un vecchio schema elimini uno di questi sipari, provando sollievo, trovando energia nuova. Fin quando arriverai ad eliminare l’ ultimo e dietro troverai te stesso, in tutto il tuo splendore: questa é consapevolezza.  Una volta trovata, non si perde più.

Posso accompagnarti per un tratto del tuo cammino, mettendoti a disposizione delle occasioni per fare esperienze delle quali hai bisogno per trovarti – dandoti la possibilità di imparare a sentirti, ascoltarti, capirti. Dopodiché, proseguirai per la tua strada. Il mio scopo é indicarti il ponte, ma poi saprai attraversarlo da solo/a. Il vero Amore é aiutare l’ altro a trovare la sua Autonomia.

(Stefania Lodolo – Mam Sey)


Annunci

Nel nostro centro Noi siamo

MAI COME ORA È STATO IMPORTANTE TROVARSI ED ESSERE SE STESSI.

[audio http://dc123.4shared.com/img/315061617/c7f4f979/dlink__2Fdownload_2F315061617_2Fc7f4f979_3Ftsid_3D00000000-000000-00000000/preview.mp3|width=180]

Mai come ora è stato importante trovarsi ed essere se stessi, trovare la nostra luce interiore: ci possono essere milioni di persone nell’oscurità, se alcune centinaia tra loro accendono un fiammifero, tutti potranno vedere.

Stiamo attraversando un’esperienza di estremo caos, di grande inquietudine ed incertezza. Tutto intorno a noi contribuisce a creare instabilità. La precarietà sembra ormai invadere ogni aspetto della nostra epoca: in ambito  lavorativo, economico, ambientale, affettivo. Persino la Madre Terra, già minacciata dall’inquinamento, dallo sfruttamento spropositato, con l’avvicinarsi del 2012, anno segnato da ipotesi di grandi cataclismi, è diventata motivo di grande preoccupazione.

Tutto questo disorienta e fa vivere la paura. La nostra mente prende il sopravvento, affollata di indecisioni, pressioni, pensieri, che volteggiano in un turbinio dal quale non ci separiamo mai. La confusione mentale fa cercare sollievo in ciò che ci viene suggerito dai media, riempiendo le nostre vite, i nostri spazzi di superfluo, di materiale, creando sempre più insoddisfazione e troppo spesso disperazione… solitudine.


“SOLITUDINE” A VOLTE PUÒ ESSERE RICCHEZZA.

La solitudine ci fa paura perché la subiamo come emarginazione, invece di accoglierla come momento di quiete e ascolto del cuore. Questo accade perché siamo convinti di essere dipendenti gli uni dagli altri, dai quali cerchiamo amore, aiuto e sostegno. Solo la consapevolezza di essere sempre connessi alla Fonte della Vita, dalla quale riceviamo Amore infinito senza prezzo e condizioni, ci rende effettivamente autonomi. Solo nell’autonomia possiamo effettivamente collaborare e condividere con gli altri la quotidianità.
In realtà è nella solitudine che noi possiamo trovare noi stessi, ritrovare la nostra guida interiore. Nel silenzio, nell’ascolto ritroviamo il nostro vero IO. E’ nella solitudine e nel silenzio che noi possiamo trovare quella pace interiore che ci permette di vederci, di essere in fusione con l’IO. Raggiungiamo questo stato lasciando andare la paura e placando la mente. Cosi accogliamo la quiete come fonte di ispirazione, come momento di rigenerazione.
Noi siamo Esseri Spirituali di passaggio sulla Terra per fare esperienza; pertanto la vita nel gruppo è fondamentale, ma ognuno di noi percorre il suo cammino da solo.
Questi presupposti appaiono difficili da raggiungere nel caos in cui viviamo, ma è importante trovare la forza e la costanza di ritagliare momenti di silenzio dedicati a noi stessi; basta anche mezz’ ora al giorno, ma con regolarità.

Se è vero che l’oceano è fatto di gocce, è altrettanto vero che ogni goccia è una goccia se è evidenziata e presente; ogni uno di noi può agire su se stesso per cambiare le cose in torno a se, ma non può farlo per altri. Iniziando a lavorare su noi stessi per stare bene, troveremo il nostro centro e li svaniscono tutte le incertezze, i conflitti, il dualismo.
Ogni persona che percorre un cammino di conoscenza personale, di consapevolezza, scioglie passo dopo passo, tanti nodi intorno a se, districando l’ingarbugliata matassa relazionale che lo avvolge, legandolo agli altri, impedendogli di vivere la sua vera dimensione.
Ci sono tanti approcci diversi da seguire, ma certamente il metodo delle Costellazioni Sistemiche e Familiari, rende molto palese come le dinamiche interne al sistema familiare si riflettono in ogni ambito della nostra quotidianità e soprattutto si evidenzia che come il lavoro che noi svolgiamo per noi, si irradia intorno a noi portando l’effetto benefico
–    nel passato lavorando spesso su eventi familiari di generazioni passate;
–    nel presente riportando armonia tra le relazioni attuali;
–  nel futuro poiché lavorando su di noi, i nostri figli riceveranno da noi forza, sicurezza, amore incondizionato e la possibilità di vivere la loro reale dimensione.

NEL NOSTRO CENTRO NOI SIAMO.

Sciogliendo i nostri blocchi, volta per volta, è come aprire delle pesanti tende che si frappongono tra noi, immersi nella quotidianità, ed il nostro centro. Arriva un giorno in cui, sollevando l’ultima tenda, ci troviamo nello splendore, nella pace, nella serenità, nella stabilità del nostro IO. Qui troviamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Solo allora, inizieremo a vivere realmente la nostra esperienza qui sulla Terra.
Personalmente sono felice di essere presente in questa epoca particolarmente carica di tensioni, di stimoli, di accelerazioni, perché vivo tutto questo come un allenamento a restare centrata, a vivere dal mio centro.
Questa epoca sta portando tante persone a cercare dentro di se le soluzioni e cosi iniziano a vivere la dimensione del Cuore.
Il più grande ostacolo a partire per questo cammino interiore è la paura del cambiamento, la paura di sconvolgere definitivamente il precario equilibrio che ci mantiene, la paura di aprire il cuore e di provare sentimenti di tristezza, di dolore.  Ma basta il primo passo e le nostre forze ritrovate ci sosterranno, riservandoci grandi sorprese e benessere che si irradia intorno a noi.
Una persona che inizia a vivere se stessa porta benefici a tutti coloro che la circondano.
… trovare la nostra luce interiore, aiuterà tanti ad uscire dall’oscurità e a vedere.

Stefania Lodolo

Essere Spiriti Liberi

[audio http://dc105.4shared.com/img/300538469/173ee8a7/dlink__2Fdownload_2F300538469_2F173ee8a7_3Ftsid_3D00000000-000000-00000000/preview.mp3|width=180]

ESSERE ciò che siamo, nel pieno rispetto della nostra unicità

VIVERE la vita seguendo la nostra strada e non quelle tracciate altri

AMARE chi e come vogliamo, senza vincoli né condizioni

ASSAPORARE al meglio questo soggiorno sul pianeta Terra

CRESCERE continuamente, senza alcun traguardo definitivo

RIDERE di noi stessi e prendere la vita con serenità

IMPARARE da ogni cosa e da ognuno

RIFIUTARE ciò che non ci piace, dire no a chi vuole controllarci

PENSARE con la nostra testa

SBAGLIARE senza drammatizzare

APRIRSI al sentire, accettando sensazioni fisiche, emozioni, sentimenti

CREDERE nei sogni e realizzarli

RAPPORTARSI alla pari con chiunque

COMUNICARE senza maschere, con spontaneità ed apertura

GODERE del nostro corpo, amandolo e rispettandolo

AGIRE in base alla nostra coscienza, senza nuocere a nessuno

MANIFESTARE chiaramente ciò che desideriamo

CONOSCERE a fondo noi stessi, affrontando anche i lati oscuri della persona

ECCELLERE senza competere

FIDARSI delle proprie intuizioni

VIVERE LA SPIRITUALITA’ senza intermediari, sette organizzazioni

SEGUI LA LEGGE NATURALE: ASCOLTA IL TUO CUORE

 

 

La Terra si muove

[audio http://www.claraboia.com/lovethemeparadiso.mp3|width=180]

La Terra si muove e solo quando questo avviene ci accorgiamo di Lei, di questo Grande Essere sul quale noi viviamo come “microbi”. Lei ci ospita, ci sostiene, ci nutre, noi siamo fatti di Lei. In cambio, noi dovremmo accudirla con amore difendendone l’ equilibrio, la salute, la bellezza. Dovremmo sempre chiederle il permesso di prendere ciò che ci serve per vivere e ringraziarla per tutto quello che ci da. Ogni foglia, ogni goccia di rugiada, ogni formica sono un’ espressione di perfezione, di equilibrio, di armonia.

Come Grande Essere, la Terra respira, segue l’ attrazione della Luna con ogni suo elemento, accoglie l’ influenza degli Astri, del Sole. Quanta armonia intorno a noi, equilibrio, sintonia. La nostra “crescita” ci ha portati ad allontanarci dalla Natura, prediligendo le costruzioni in cemento di decine di piani a ripari bassi, più naturali. Nelle città ci accatastiamo in cubi di cemento sovrapposti, che si innalzano a sfidare il cielo; l’ avidità di chi li costruisce le riduce a torri di castelli di carta.

Quando la Terra si muove ci rendiamo conto della nostra dimensione, di quanto il nostro “sviluppo”, la nostra tecnologia siano insignificanti rispetto alla Sua grandezza, alla Sua potenza. L’ unica cosa veramente grande in noi, l’ unico aspetto di ineguagliabile intensità é il nostro Spirito, il nostro Cuore e noi troppo spesso lo mettiamo da parte per cedere all’ avidità: quell’ avidità che ci ha portati a decimare i bisonti per predare le loro pelli, lasciando a marcire le loro carcasse a centinaia sulle praterie, devastando un equilibrio sacro per le popolazioni native, anch’ esse infine sterminate; quell’ avidità che ci porta ancora oggi ad abbattere centinaia di alberi secolari in Amazzonia dopo aver massacrato la popolazione locale, pur sapendo di creare una catastrofe ambientale; quell’ avidità che ci ha portati a devastare il territorio degli Aborigeni ridotti a mendicare, alcolizzati, ospiti in casa loro; quell’ avidità che ci fa estrarre tonnellate di petrolio, carbone, gas, … sconvolgendo gli equilibri della superficie della Madre Terra,  che incredibilmente ancora sopporta, nonostante gli esperimenti nucleari nel sottosuolo.

Personalmente, ogni giorno prego perché la nostra Madre Terra si rigeneri e continui ad amarci come ha sempre fatto, ma soprattutto mando Amore, Pace, Luce e Consapevolezza agli Esseri Umani, perché ritrovino l’ importanza di vivere la vita con semplicità, apprezzandone ogni attimo, ogni dettaglio, ogni piccola cosa.

Stefania Lodolo

Armonizzazioni familiari e sistemiche

Dobbiamo immaginare questo amore come un torrente che scorre tranquillo nella natura, con le sue cascate che scendono da un salto all’altro, in un fluire continuo ed infinito. Questo susseguirsi di cascate, simboleggia il susseguirsi delle generazioni. Così come l’acqua scorre dal piano superiore al successivo, nello stesso modo, l’amore dei genitori scorre verso i figli, che a loro volta lo faranno scorrere verso i loro figli.

[audio http://www.moprofao.org/OrinocoFlow.mp3|width=180]

 

Amore senza prezzo e condizioni

A volte succede che un evento traumatico interrompa questo flusso naturale e vitale, deviandone il corso e turbando l’equilibrio del sistema; esattamente ciò che avviene quando un masso, di dimensioni notevoli, cade in mezzo al  torrente, creando straripamenti o deviazioni. Spesso i massi sono più di uno.

Attraverso le Armonizzazioni Familiari e Sistemiche si possono individuare questi massi e rimuoverli, riportando il torrente della vita al suo flusso naturale.

Questi traumi, avvenuti nella storia della famiglia, contribuiscono a creare quella che Bert Hellinger ha definito “La Legge del Sistema Familiare”. Questa legge non ha niente a che vedere con la legge comune che regola la società in cui viviamo, essa segue le dinamiche sopraggiunte agli eventi della storia familiare. Un esempio evidente: in una famiglia una madre muore di parto, subentra una nuova legge: ”partorire = morire”. Per quanto assurdo e innaturale sia, spesso accade che nelle generazioni successive vari elementi saranno sterili o avverranno aborti spontanei.

Questo ci porta a vivere secondo uno schema non nostro, condizionando le nostre scelte e causandoci insoddisfazione e malessere, fino ad ammalarci. Per questo, rappresentando un nostro sintomo, si arriva a sciogliere nodi familiari e, di conseguenza, si ritrova la salute.

Durante lo svolgimento delle Armonizzazioni Familiari e Sistemiche, esponendo un problema personale, chi partecipa vede rappresentato il sistema con il quale è in conflitto (situazioni parentali, posto di lavoro, partner, gruppo di amici, classe di alunni). Si inizia da una precisa domanda, che mette in evidenza la problematica o “sintomo” in questione. Lentamente affiorano i nodi, il modello negativo o l’irrisolto familiare che si ripresenta di generazione in generazione, finche non nasce qualcuno che, spinto dal il suo bisogno-desiderio di comprendere, o dalla sua sofferenza, spezza questa catena; lavorando su se stesso, porterà alla luce l’evento passato, che a volte è legato ad un nostro antenato. Le Costellazioni Familiari aiutano a prendere consapevolezza dell’origine del problema e a sciogliere l’ostacolo, riportando il giusto equilibrio nel Sistema. Per questo motivo, chi inizia un percorso seguendo questo approccio, porta Armonia nel PRESENTE (io nel mio attuale sistema), nel PASSATO (sciogliendo traumi subiti da antenati che si ripercuotono ancora sulla famiglia) e nel FUTURO (sciogliendo la proprie problematiche, queste non graveranno sui figli).

Le soluzioni sono sempre profondamente coinvolgenti e liberatorie. Risvegliano nelle persone sentimenti autentici, portandole ad amare il mondo e gli altri così come sono, trovando armonia ed equilibrio.

Si può provare a spiegare il funzionamento di un incontro di costellazioni famigliari, ma resta difficile esprimere a parole un esperienza cosi profonda e nello stesso tempo così naturale; si può solo suggerire di provare. Andando avanti si avrà la sensazione precisa che si sta via via eliminando tutto ciò che ci impediva di vivere appieno le nostre potenzialità.

Per raccogliere tutti i frutti di questa bella esperienza, il primo passo è decidere di dedicare uno spazio a sé. Molti di noi devono ritagliare questa giornata tra pranzi, accompagnamenti, compiti dei figli… Questo fa si che si arriva trafelati e ad ogni pausa si controllino le chiamate sul cellulare (che ovviamente è spento o silenzioso). Per agevolarvi in questo intento, le date sono disponibili con grande anticipo, cosi da permettervi di predisporre i vostri impegni tutelando questo vostro momento. Questo vi farà rendere conto che chi vi circonda è autonomo più di quanto voi pensiate! E al vostro rientro sarete più consapevoli e disponibili per un rapporto di qualità.