Madre Terra ci cura

La consapevolezza nei gesti quotidiani rida sacralità alla vita. Quanta importanza ha preparare il cibo per noi e per chi ci accompagna? Quanto influisce sul risultato, il nostro stato d’animo? Dagli studi effettuati da Masaru Emoto sull’acqua e gli effetti che ha l’ambiente sulla sua composizione, si può far tesoro di quanto sia importante essere in armonia con noi stessi e con ciò che ci circonda. E’ esattamente in questi momenti, quando siamo occupati in gesti meccanici, che la nostra mente si perde in pensieri ricorrenti e spesso negativi: problemi e ricordi passati, rabbia, tristezza, insoddisfazione. Ci troviamo a cucinare e girare un sugo avvolti da vibrazioni basse e negative che impregnato tutto ciò che ci circonda (cf Masaru Emoto“la memoria dell’acqua”). Impegnandoci a vivere nel pensiero consapevole, ci può aiutare in questi momenti a operare con amore, essendo presenti a ciò che stiamo facendo, avvolgendo tutto ciò che ci circonda di vibrazioni alte e positive, vivendo con gratitudine il momento presente, il cibo che stiamo preparando, i frutti che abbiamo raccolto.

La Madre Terra ci nutre e ci cura. Ogni pianta, verdura, seme ha le sue proprietà curative e di sostegno al nostro organismo. Nelle antiche tradizioni, la Madre Divina è colei che fornisce il nutrimento illimitato a tutti gli esseri umani, come la fonte eterna di sostentamento, sia materiale che spirituale. In riferimento a questo mito, anche la Donna è colei che cucina cibo delizioso e lo offre a tutti i membri della famiglia, simbolo di prosperità per tutti.

L’atto quotidiano di preparare il cibo, di offrirlo e di nutrirsene è un atto di sacralità. Emerge quindi un aspetto spirituale e sacro del cibo che le culture antiche valorizzavano pienamente e che è tuttora vivo nelle usanze e tradizioni religiose e popolari.

Per esempio, l’induismo, sia nel suo aspetto filosofico, sia in quello religioso e spirituale, pone il cibo in relazione all’intero universo di cui l’essere umano è la miniatura:”Tutte le creature che si trovano sulla terra traggono origine dal nutrimento e da esso sono mantenute in vita. L’alimentazione è un rimedio universale. Coloro che riescono a nutrirsi del Brahman, ottengono ogni forma di nutrimento, fisico, mentale e spirituale”  (Taittiriya Upanisad)

Il cibo ha una fondamentale importanza dal momento che si trasforma in sostanza e in energia: svolge una funzione essenziale nella nostra vita, poiché dal cibo che assumiamo ricaviamo la forza vitale e l’immunità necessarie per combattere le malattie. L’alimentazione, oltre a nutrire il corpo nutre anche la mente e lo spirito.

Il cibo come medicina “piacevole”: l’alimentazione è uno strumento scientifico di guarigione. 

Per erbe medicinali s’intendono quelle piante che possiedono proprietà terapeutiche. L´uso delle piante come terapia per le varie malattie è antichissimo, probabilmente risale alla preistoria, periodo in cui l´uomo cibandosi di bacche e radici spontanee, sperimentò casualmente i loro effetti curativi o al contrario i loro effetti tossici. Testimonianze dell´uso di specie vegetali a scopi terapeutici, sono presenti in numerose parti del mondo, ad esempio in Egitto, dove è stato ritrovato il papiro di Ebers, datato 1500 a.c. che presenta la descrizione d´alcuni medicamenti a base d´erbe.
Nell´antichità l´utilizzo delle piante era associata a rituali e la loro raccolta, preparazione e somministrazione era riservata alla Donna le cui conoscenze derivavano da una lunga tradizione orale, che veniva tramandata da madre in figlia.

E’ esattamente per risvegliare antiche sensazioni, ritrovare la magia del contatto con la Madre Terra e i suoi frutti, che con il gruppo di Pranic Integration, ci siamo riuniti per raccogliere le erbe pronte nella stagione autunnale. E’ stato il primo di tanti incontri immersi nella natura, accompagnati di Veronica che ci ha illustrato la proprietà di tante erbe che abbiamo incontrato. Dopo aver chiesto il permesso alla Madre Terra di raccogliere con discrezione ciò che lei ci offre, abbiamo percorso l’itinerario suggerito da Veronica in un atmosfera serena e armoniosa. Le nostre tisane avranno un altro sapore: durante il freddo inverno saranno arricchite dal calore di questo bel ricordo.

                                                                                   Stefania

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Madre Terra ci ama

La Madre Terra ci ama.

NOI SIAMO LEI !!!

 

il Diamante di Madre Terra (Eclisse)

Sin da quando, come scintille vitali, iniziamo a concretizzare noi stessi nel Ventre sacro di nostra Madre, assemblando le  particelle che comporranno questo splendido sensore che è il nostro corpo; sin dal primo minuscolo accenno di materia, questo è possibile perché c’è Lei: noi ci materializziamo ricevendo dalla nostra Madre ciò che lei riceve dalla Madre Terra: aria, acqua, verdura, proteine… tutto prende forma da Lei, tutto è fatto di Terra. E’ come se da una grande cava di creta si plasmano statuine e l’unione dell’energia maschile e femminile, crea una fusione potente e le rende vive.

E’ spettacolare pensare a questo grande spirito che ogni uno di noi è, che arriva sulla Terra nel momento di massima unione tra l’energia maschile e l’energia femminile e che, per nove mesi prende corpo nel corpo della Madre.

E’ questa la prima esperienza che noi abbiamo qui sulla Terra, prendiamo consapevolezza di esistere attraverso la materia, i limiti e le sensazioni che ci da il nostro corpo. La prima sensazione dell’ “altro” l’abbiamo quando per la prima volta sentiamo due battiti del cuore nel Grembo Materno.

Ho chiesto alla  Madre Terra  di farsi sentire ancora di più da noi e so che lei lo farà, perché in realtà siamo noi che siamo distratti e non l’ascoltiamo.

Smettiamo di sentirci padroni della Terra e iniziamo a vivere la collaborazione con tutti gli atri esseri viventi Il nostro compito è mantenerla pulita, bella, curata come fanno anche gli acari sulla nostra pelle. Il loro nutrimento è rappresentato dalla desquamazione della cute umana e residui di alimenti. Se non ci fossero loro, l’accumulo di cellule morte sulla pelle creerebbe squilibri spiacevoli. L’esposizione all’aria e al sole si è rivelata come l’intervento più efficace per impedire la sopravvivenza degli acari. Risulta evidente come anche in questo caso ritmi e abitudini di vita non ecologici abbiano trasformato un elemento utile in nocivo.

Siamo tutti parte del Grande Organismo Terra, tanti sistemi cellulari che collaborano in un intento. Noi tutti dobbiamo essere consapevoli che la Terra è un grande organismo e noi ne facciamo parte.

Non rafforziamo con i nostri pensieri e paure il disgregamento, le violenze fatte alla Madre Terra. Ogni giorno svegliandoci, Mandiamole Amore Luce Pace Salute e la Forza di rigenerarsi. Mandiamo, Saggezza, Consapevolezza, Pace, Amore, Buoni propositi e la forza di applicarli a tutti gli Esseri Umani. Questo creerà ogni mattina un onda positiva che abbraccerà il nostro pianeta. Ci sono tante realtà al mondo che si sono unite in questo intento.

 

VOI SIETE PARTE DI ME COME IO SONO PARTE DI VOI

VI ABBRACCIO TUTTI CON INFINITO AMORE

Stefania Lodolo – Mam Sey

 

La Terra si muove

[audio http://www.claraboia.com/lovethemeparadiso.mp3|width=180]

La Terra si muove e solo quando questo avviene ci accorgiamo di Lei, di questo Grande Essere sul quale noi viviamo come “microbi”. Lei ci ospita, ci sostiene, ci nutre, noi siamo fatti di Lei. In cambio, noi dovremmo accudirla con amore difendendone l’ equilibrio, la salute, la bellezza. Dovremmo sempre chiederle il permesso di prendere ciò che ci serve per vivere e ringraziarla per tutto quello che ci da. Ogni foglia, ogni goccia di rugiada, ogni formica sono un’ espressione di perfezione, di equilibrio, di armonia.

Come Grande Essere, la Terra respira, segue l’ attrazione della Luna con ogni suo elemento, accoglie l’ influenza degli Astri, del Sole. Quanta armonia intorno a noi, equilibrio, sintonia. La nostra “crescita” ci ha portati ad allontanarci dalla Natura, prediligendo le costruzioni in cemento di decine di piani a ripari bassi, più naturali. Nelle città ci accatastiamo in cubi di cemento sovrapposti, che si innalzano a sfidare il cielo; l’ avidità di chi li costruisce le riduce a torri di castelli di carta.

Quando la Terra si muove ci rendiamo conto della nostra dimensione, di quanto il nostro “sviluppo”, la nostra tecnologia siano insignificanti rispetto alla Sua grandezza, alla Sua potenza. L’ unica cosa veramente grande in noi, l’ unico aspetto di ineguagliabile intensità é il nostro Spirito, il nostro Cuore e noi troppo spesso lo mettiamo da parte per cedere all’ avidità: quell’ avidità che ci ha portati a decimare i bisonti per predare le loro pelli, lasciando a marcire le loro carcasse a centinaia sulle praterie, devastando un equilibrio sacro per le popolazioni native, anch’ esse infine sterminate; quell’ avidità che ci porta ancora oggi ad abbattere centinaia di alberi secolari in Amazzonia dopo aver massacrato la popolazione locale, pur sapendo di creare una catastrofe ambientale; quell’ avidità che ci ha portati a devastare il territorio degli Aborigeni ridotti a mendicare, alcolizzati, ospiti in casa loro; quell’ avidità che ci fa estrarre tonnellate di petrolio, carbone, gas, … sconvolgendo gli equilibri della superficie della Madre Terra,  che incredibilmente ancora sopporta, nonostante gli esperimenti nucleari nel sottosuolo.

Personalmente, ogni giorno prego perché la nostra Madre Terra si rigeneri e continui ad amarci come ha sempre fatto, ma soprattutto mando Amore, Pace, Luce e Consapevolezza agli Esseri Umani, perché ritrovino l’ importanza di vivere la vita con semplicità, apprezzandone ogni attimo, ogni dettaglio, ogni piccola cosa.

Stefania Lodolo